PARMA - Ranuccio I Farnese, Duca di Parma e Piacenza, 1592-1622. - Doppio ducatone 1604.

Archivio Ranieri
Cerca
Cerca
PARMA - Ranuccio I Farnese, Duca di Parma e Piacenza, 1592-1622. - Doppio ducatone 1604.
Prezzo di stima visibile solo dagli utenti registrati.
Prezzo di realizzo visibile solo dagli utenti registrati.
Asta 4 del 26 e 27 Ottobre 2012 - Lotto 440
PARMA
Ranuccio I Farnese, Duca di Parma e Piacenza, 1592-1622. Doppio ducatone 1604.
Ag gr. 63,10
Dr. Busto corazzato e drappeggiato a s. con colletto rigido e alta gorgiera; corazza e spallaccio riccamente decorati. Rv. Marte e Pallade galeati sorreggono la corona ducale aperta a cinque fioroni; nel campo, tra le due figure, tre piante di giglio nascenti da una zolla. All’esergo, L • I604 • S (Ludovico Selvatico, zecchiere).
CNI 16; Rav.-Mor. 1; Affò 128; MIR 983/1; Davenport 4114.

Rarissimo. Minimi graffi al dr. BB

Ranuccio I rinnovò Parma e Piacenza con la costruzione di nuovi edifici e emanò nel 1594 la costituzione farnesiana, che diede al ducato la sua organizzazione definitiva. Le sue pretese sul feudo di Colorno furono una delle cause della congiura della nobiltà del 1611, che Ranuccio sedò con una durissima repressione, culminata con l’impiccagione o la decapitazione dei nobili che avevano tramato contro di lui. Per quanto riguarda questa moneta, non esistono documenti che indichino l’autore del conio del diritto, mentre sembra certo che l’autore del rovescio sia Andrea Casalino. I Farnese si preoccuparono costantemente che le monete prodotte dalle loro zecche rispettassero scrupolosamente il peso e il titolo della lega dichiarato e per questa ragione imposero a zecchieri e assaggiatori contratti che vincolavano il loro operato in maniera estremamente precisa.